ROAMING

EVENTS

CONCEPT

TEXTS

INFO

If space means nothing

16 01 2010
Condotto C, Roma

Gallery
 ROAMING. IF SPACE MEANS NOTHING, Condotto C, Roma
  ROAMING. IF SPACE MEANS NOTHING, Condotto C, Roma
  ROAMING. IF SPACE MEANS NOTHING, Condotto C, Roma
 ROAMING. IF SPACE MEANS NOTHING, Condotto C, Roma
 ROAMING. IF SPACE MEANS NOTHING, Condotto C, Roma
 ROAMING. IF SPACE MEANS NOTHING, Condotto C, Roma
Roaming si caratterizza sempre in modo peculiare in relazione allo spazio espositivo in cui si trova ad agire. Dagli imponenti immobili industriali ai palazzi storici di carattere museale, i progetti di volta in volta si declinano in modo autonomo, andando a valorizzare la natura stessa del luogo in cui ci si inserisce.
Questa considerazione acquista particolare valore nel momento in cui lo spazio presenta delle specificità  uniche ed irripetibili. Peculiare è dunque il caso di Condotto C, infatti, come nel film di Vincenzo Natali Cube, la galleria non presenta vie di fuga, è completamente mappata e mappabile.
Una struttura neutra e compatta quasi archetipo dello spazio espositivo contemporaneo.
Da questa suggestione (e condizione) e partendo dall'idea di via di fuga, l'invito ai diversi artisti nasce come una domanda, una sfida e una provocazione verso lo "spazio" come paradigma, linguaggio proprio delle arti visive, e lo "spazio" specifico, Condotto C.
Infatti, se lo spazio non significasse nulla, come si potrebbe fuggire, come ci si potrebbe nascondere? Come celare all'occhio dello spettatore e soprattutto del fotografo che documenta la mostra il proprio intervento?
Artisti dalla natura profondamente differente ma accomunati dalla stessa tensione analitica e site related rispetto alle condizioni espositive, si confronteranno su questo campo di ricerca, anche in relazione al rapporto tra l'opera, l'oggetto presentato e l'immagine immateriale che poi navigherà , libera, nella rete.


Condotto C is an open cooperative, involving artists, graphic artists,curators, choreographers, photographers and others who operate and combine forces at "Condotto C" (the so called C-Chute to paraphrase the Asimov story), so that it becomes a space for parallel projects; an unofficial or experimental extension of their artistic activities. We don't agree with facile categorizations, and our freeform and horizontal configuration preserves us from fixed roles and generalizations. We won't have fixed rules and we will be open to a wide range of activities, from installations, to the ephemeral event, to performances, to dance as well as debates and theatre. No door is ever shut. The mainstays of our philosophy will be mobility and flexibility. Therefore we will exist merely as a space: a 16 by 2.4 meter C-Chute. As is the Asimov story, the chute represents for us an escape route, where art can be a little more daring. We aim to make an impact and inspire, we believe there is much room for experimentation. The artist will be able to work in complete freedom; creating works that stray from his or her usual modus operandi. An improbable performance, perhaps, or a parallel project, or other ideas to evaluate. Inside the space, the imperative is to collaborate, via works-in-progress, unofficial projects designed for the Chute. The cooperative will decide whether or not to propel the project into the space.