ROAMING

EVENTS

CONCEPT

TEXTS

INFO

Transition. A private matter

08 05 2010
Vyšehradská 26, Prague (CZ)

Gallery
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga
ROAMING. TRANSITION; A PRIVATE MATTER, Vyšehradská 26, Praga

Al centro del progetto Roaming vi è la costante necessità  di una auto-negazione. L'opera e l'immagine, la permanenza e la fugacità , la presenza e l'assenza. Così in più di due anni di lavoro e oltre dieci mostre realizzate, un asse di continua e sistematica falsificazione ha contraddistinto la ricerca. Questa dicotomia è una sorta di metodo analitico che ha permesso a Roaming di sviluppare determinate questioni di ordine estetico e fenomenologico, inerenti la natura dell'opera d'arte in sé e il rapporto con la sua diffusione mediale e culturale.

E' all'interno di questa cornice che si inserisce il progetto Transition. A private matter proposto per la città  di Praga e, in particolare, per uno spazio, ancora differentemente connotato, in cui andare ad operare. Difatti la mostra prende luogo all'interno di un edificio non ancora abitato, un cantiere appena concluso: un luogo ibrido, privo di un'identità  specifica, e dunque aperto a qualsiasi possibile significazione. Questa è risultata dunque l'occasione migliore per proporre un nuovo spunto, ancora basato su una contraddizione, connesso con l'idea di prendere casa (questa sarà  la destinazione dell'edificio, una serie di appartamenti) appropriarsi di un luogo e definirne l'identità , ma per un arco di tempo effimero ed irrilevante.

La questione che così viene posta al centro del dibattito tra curatori, artisti e pubblico, tra ricezione, mediazione e produzione di senso, e dunque di arte, è la dimensione dell'identità . Intesa come privato che si fa pubblico, come racconto personale e segreto le cui tracce sono lasciate all'interpretazione di chi le trova o le sa leggere, di una dinamica collettiva (un dispositivo) in grado di stimolare un confronto attorno al concetto di limite, di presenza e assenza.

Ci muoviamo in questo modo verso un certo spaesamento, un'ambiguità , propria della pornografia del privato, capace di riflettere su ciò che è possibile (fisicamente e, in modo metaforico, culturalmente) vedere, ponendo criticamente questioni legate all'intimità  e l'identità .